AMBLEKODI - TESSILE IN CANAPA
Via I° Maggio 50c, 44034 Copparo (Fe) - Tel +39 333 8697114 - eMail: info@amblekodi.com

 

CANAPA TESSILE IN EMILIA ROMAGNA


Agli inizi del Novecento l'Italia rappresentava la seconda nazione al mondo per la quantita' di canapa tessile prodotta ed era preceduta, dalla sola Russia.
A quell'epoca, nel nostro Paese gli ettari destinati a tale coltura ammontavano ad oltre 79.000 con un rendimento annuo che sfiorava gli 800.000 quintali.
Nel 1914 la provincia di Ferrara produceva 363.000 quintali di canapa, contro i 157.000 della provincia di Caserta, i 145.000 della provincia di Bologna e gli 89.000 del napoletano.
Negli anni a seguire, in tutto il territorio nazionale vi fu una progressiva riduzione della superficie coltivata a canapa e, conseguentemente, della fibra prodotta: si passo' cosi' da un massimo di 85.000 ettari coltivati, con una produzione complessiva di un milione di quintali, ai 1.860 ettari del 1969 con soli 21.000 quintali di prodotto fino ad arrivare, nel 1970, ad un minimo di 899 ettari con un rendimento di appena 10.000 quintali.
La crisi della canapa, gia' iniziata nel 1958 con la scomparsa totale della produzione in val Padana, completo' la sua fase nel 1964 quando anche la Campania, ultima regione che ancora tentava di contrastare l'inesorabile recessione, fu costretta a desistere.
Ne consegui' che mentre questo evento non rappresento' difficolta' insormontabili per i grossi agricoltori che passarono rapidamente a colture diverse, costitui' invece un autentico dramma per i lavoratori artigiani del settore.
In Italia nel 1933 furono emanati provvedimenti e costituiti i Consorzi provinciali obbligatori per la difesa della canapicoltura, che, dopo vicissitudini varie, si concentrarono, a partire dal 1953, nel Consorzio Nazionale Produttori Canapa. A nulla valsero imponenti manifestazioni di canapicultori e convegni sulla canapicoltura.
La coltivazione della canapa venne abbandonata per lasciare posto, nel mercato, alle emergenti fibre sintetiche, resistenti, poco costose, e facili da ottenere ed alle innovative colture frutticole.
A partire dagli anni Sessanta, dunque, nel nostro Paese l'interesse per la canapa tessile, e' venuto a mancare ma adesso l'argomento sembra poter tornare d'attualita'. Il suo rilancio valorizzerebbe una cultura agronomica e colturale solo assopita, offrendo agli agricoltori la possibilita' di integrare il reddito e di beneficiare di un premio di coltivazione al quale non hanno mai avuto la possibilita' di accesso fin dal 1980. Offrirebbe inoltre nuove opportunita' ai contoterzisti per la completa possibilita' di meccanizzazione di ogni singola fase colturale, favorirebbe la riduzione dei costi di importazione legati alla fibra cellulosica per usi cartari che attualmente ammontano a 4.000 miliardi all'anno, stimolerebbe l'industria ad essa collegata ed in particolare quella tessile, oggigiorno in fase di rilancio europeo, vista la richiesta di tessuti a vocazione ecologica.
Perche' allora non ripristinare la coltivazione della canapa? L'eccessivo garantismo, perfetto sulla carta, ma molto meno nei fatti sta di fatto impedendo all'agricoltura italiana di percorrere vie alternative in grado di portare occupazione e reddito.
Negli ultimi anni la campagna ferrarese ha affrontato tutte le problematiche legate alla frutticoltura e alla bieticoltura e ne ha conosciuto i limiti dovuti alle avversita' atmosferiche, all'instabilita' dei mercati ed ai fenomeni patologici dei terreni e delle piante, ultimo il "colpo di fuoco batterico", ma tutto cio' non le ha impedito di conservare inalterate le storiche ed invidiate qualita' pedologiche e climatiche, ideali per la coltivazione di pregiata canapa. Dalla sua lavorazione, oltre ai prodotti cartari ottenibili dal canapulo ed ai prodotti tessili ottenibili dalla fibra, e' possibile ricavare olii alimentari e margarine, prodotti tecnici per vernici, mastici, detergenti, lubrificanti, saponi, materiali da costruzione quali pannelli truciolari, fibre di cemento, pannelli isolanti, riempitivi inerti, lettiere per allevamenti di cavalli, polli, tacchini, animali da laboratorio ed altro ancora.

FONTI:
Girolamo Baruffaldi, “Il Canapajo”, Libri VIII, bologna 1741
P. Ranalli, B. Casarini, “Canapa: Il ritorno di una coltura prestigiosa”, Avenue media, bologna 1998
a cura di A. Tromellini, S. Pezzoli, S. Fronzoni, “Tra passione e professione”, compositori, bologna 2001
R. Sitti, R. Roda, C. Ticchioni, “Il lavoro della Canapa nel Ferrarese”, arstudio, ferrara 2004
Ufficio Informazioni Turistiche di Tresigallo, prof. Dante Sforza




AMBLEKODI SAS di Cogo Rosalia
Via I° Maggio 50c, 44034 Copparo (Fe) - Tel +39 333 8697114 - eMail: info@amblekodi.com - cf e p.iva 01768590380

Privacy Policy  
Copyright 2009 Indaco Web Solution - Ravenna 

tessile in canapa biancheria per la casa
Utente
Password


Per poter acquistare č necessario essere utenti registrati, se ancora non possiedi utente e password cosa aspetti...

Per ricevere le nostre offerte direttamente sulla tua casella di posta elettronica, inserisci il tuo indirizzo eMail nel campo sottostante e premi “invia”.
Leggi l'informativa sulla Privacy
Bambini
Cucina
Bagno
Letto
Salotto
Accessori

Eseguiamo personalizzazioni e prodotti su misura. Richiedi maggiori informazioni, saremo lieti di esaudire ogni richiesta.